L’11 settembre 2016 si è tenuta a Barcellona la manifestazione per celebrare la festa nazionale catalana, la “Diada”, la giornata per antonomasia. La data ricorda la caduta di Barcellona, dopo un lungo assedio, sotto il controllo del re Filippo V di Borbone nel 1714, nel corso della guerra di successione spagnola.

Da allora è sempre stata una ricorrenza molto sentita, che chiama in causa i nodi irrisolti del particolare processo di costruzione dello stato nazionale spagnolo e della compresenza di identità locali particolarmente forti, radicate, dotate di una loro lingua, di una loro storia, di un loro immaginario comunitario, come avviene appunto in Catalogna.

L’autonomismo è in Spagna un fiume carsico che riaffiora con forza
mettendo in discussione il rapporto tra il centro e le periferie, specie quando il paese attraversa processi di crisi, come durante la guerra civile (1936-1939) o in occasione dell’attuale transizione che caratterizza la democrazia rappresentativa iberica.

L’affermazione di Podemos ha infatti posto fine al sistema politico bipolare su cui si è articolata la dialettica pubblica dalla fine del regime franchista in poi e la critica radicale di questo partito-movimento, in un contesto di crisi economica e sociale, si è sommata al rafforzamento delle istanze autonomiste, rafforzamento del quale le spinte dal basso verso l’indipendenza della Catalogna rappresentano il più evidente fenomeno.

Quest’anno la “Diada” ha avuto un sapore particolare. Non solo perché il governo regionale catalano (Generalitat) è nelle mani di una maggioranza che riunisce forze di vario colore tenute assieme dalla prospettiva dell’indipendenza. Ma soprattutto perché quest’anno si è celebrato il XL anniversario della “Diada” del 1976, la prima che i catalani hanno potuto festeggiare grazie alla caduta della dittatura franchista. Per l’occasione si è assistito alla convergenza tra le forze della sinistra catalanista: dalla sezione regionale di Podemos (En Comú Podem), alla sinistra repubblicana dell’Esquerra Republicana de Catalunya (ERC), alla sinistra anticapitalista della CUP (Candidatura d’Unitat Popular). Queste forze hanno invitato congiuntamente a manifestare in ricordo di Jordi Carbonell, punto di riferimento della sinistra nazionalista catalana recentemente scomparso.

Tra le 800 mila persone che l’11 settembre hanno animato la “Diada” nelle principali città catalane c’era anche l’attuale presidente della Generalitat, il democristiano Puigdemont. La stampa spagnola ha sottolineato che è la prima volta che il rappresentante più autorevole del governo locale partecipa a una marcia sovranista, lanciando così una sfida alle istituzioni dello stato centrale.

Tra le formazioni dell’indipendentismo catalano i disaccordi restano molti e l’afflato indipendentista rappresenta l’unico collante, ma è un collante potente. Soprattutto se raffrontato al quadro di frantumazione che offre la politica spagnola a livello di stato centrale, con l’incapacità di trovare un nuovo equilibrio per dar vita ad un nuovo esecutivo.

Mentre nella galassia indipendentista è sempre più determinante il peso delle componenti che si basano su una narrazione progressista (come ERC e CUP), restano sul piatto le divisioni circa le strategie da adottare per ottenere l’indipendenza: tramite un referendum unilaterale che verrebbe considerato illegale da Madrid? Tramite nuove elezioni, che si pretenderebbero costituenti? Su questo quesito sempre più stringente si giocherà il futuro di un governo locale sempre più dipendente dai voti determinanti delle frange più radicali e di sinistra del catalanismo ma soprattutto si giocherà il futuro della Spagna.

Le ultime elezioni politiche hanno confermato la distanza, in termini di risultati elettorali, tra la Catalogna (dove l’affermazione di Podemos è superiore alla media nazionale) e il cuore castigliano del paese, che resta maggiormente ancorato alle forze tradizionali, con l’eccezione di Madrid.

Un ulteriore elemento che gioca a favore della frammentazione del contesto politico e che rende la transizione che attraversa la democrazia rappresentativa in Spagna sempre più complessa.

Se sei interessato a ricevere gli aggiornamenti sull’offerta formativa di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli puoi scrivere a:
formazione@fondazionefeltrinelli.it
Scuola di Cittadinanza Europea