Food policy

Per Food Policy (in italiano politica alimentare) si intende l’insieme delle politiche pubbliche e dei meccanismi attraverso i quali le questioni relative alle fasi di produzione, trasformazione, distribuzione, acquisto e consumo delle risorse alimentari sono trattate e gestite da organismi governativi pubblici, ma anche istituzioni internazionali o enti privati, siano essi operanti a livello locale, nazionale o sovranazionale.

Le politiche alimentari sono, quindi, finalizzate a orientare il funzionamento del sistema agroalimentare e rispondono in maniera sempre più diretta a un esigenza di sostenibilità. In quest’ottica la necessità di ottimizzare i processi della filiera alimentare per assicurare la disponibilità, l’accesso e il corretto utilizzo di cibo adeguato per quantità e qualità alle esigenze dei cittadini si fondono con obiettivi di tipo ambientale e sociale.

In anni recenti ha acquisito particolare rilevanza il dibattito sulla necessità per le città di dotarsi di specifiche politiche che regolino il sistema alimentare urbano e metropolitano. A determinare tale necessità concorrono diversi fattori tra cui l’emergenza di nuovi bisogni alimentari quale espressione di un consumatore più attento ed esigente e il consolidamento di una più marcata coscienza ambientale da parte di cittadini e istituzioni rispetto agli impatti della produzione di cibo.

A questo proposito, grande risonanza mediatica ha avuto lo scorso anno il lancio da parte del Comune di Milano del Milan Urban Food Policy Pact che ha chiamato a raccolta i sindaci delle maggiori città dotate di strumenti di politica alimentare allo scopo di decretarne sul piano internazionale l’impegno concreto verso la costruzione di sistemi alimentari sostenibili.

Se sei interessato a ricevere gli aggiornamenti sull’offerta formativa di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli puoi scrivere a:
formazione@fondazionefeltrinelli.it
Scuola di cittadinanza europea
Una proposta formativa di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli