Battaglia della Marna

Battaglia della Marna (6/11 settembre 1914). Quella del settembre 1914 è la prima di tre sanguinose battaglie svoltesi tra gli eserciti contrapposti franco-inglese e tedesco intorno al fiume Marna nella Francia settentrionale (le altre due importanti battaglie strategiche si verificano qui tra il 27 maggio/1 giugno 1918 e il 15 luglio/3 agosto 1918).

È qui, infatti, che ha luogo l’episodio più importante e significativo della prima guerra mondiale, il fallimento, cioè, della guerra di movimento prevista dai tedeschi nel «piano Schlieffen». I quadri militari della Germania sono convinti che questa strategia permetterà loro di sconfiggere le truppe francesi del generale Joffre in breve tempo e con il minimo dispendio di risorse, prima che i russi possano effettivamente mobilitarsi.

Passando dal Belgio neutrale e accerchiando i francesi, alla fine di agosto i tedeschi sono già vicinissimi a Parigi, ma proprio quando il piano sembra essere realizzato, la diluizione su tutta la lunghezza del fronte e la stanchezza delle armate tedesche permettono alle truppe francesi di rinforzo, arrivate su 600 taxi direttamente da Parigi, l’arresto dell’avanzata tedesca e la fine della guerra di movimento.

Con il fallimento del piano Schlieffen, un piano vetusto di fronte all’estensione del fronte occidentale e all’implementazione delle forze in campo sul fronte russo orientale, la guerra s’impantana sui fianchi della Marna e diventa una guerra di posizione lunga ed estenuante, la prima grande «guerra di trincea» dal settembre del ’14 al novembre del ’18.

Se sei interessato a ricevere gli aggiornamenti sull’offerta formativa di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli puoi scrivere a:
formazione@fondazionefeltrinelli.it
Scuola di cittadinanza europea
Una proposta formativa di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli